Notizie

FRANCO 2

 

Il Consiglio Direttivo CRI Sondrio con tutti i Volontari e dipendenti si unisce al dolore dei familiari per la tragica scomparsa del responsabile Volontari dell’Unità Territoriale Valmalenco Franco Ferrari, il nostro “Schick”, da più di trent’anni attivo in Croce Rossa, sempre attento ai bisogni del suo territorio, guida per i giovani e prezioso Volontario.

Ciao, Schick, il tuo sorriso e il tuo ricordo saranno sempre con noi……

CROCE ROSSA CERTIFICATA OHSAS 18001: SONDRIO E MORBEGNO FANNO SCUOLA

La Valtellina teatro di un'esperienza pionieristica nel terzo settore

 

I comitati di Croce Rossa di Sondrio e di Morbegno hanno recentemente ottenuto la certificazione in materia di salute e sicurezza certificandosi con il British Standard OHSAS 18001:2007, confermando il loro impegno ad orientare gli sforzi di tutti gli appartenenti ad una corretta gestione della salute e sicurezza sul lavoro, con particolare riguardo al rispetto della normativa vigente, al codice etico di Croce Rossa Italiana e a suoi obiettivi strategici. Si tratta di un’esperienza pionieristica all’interno di Croce Rossa Italiana, un caso che rimane pressoché unico nel suo genere. Il percorso fatto non è stato certamente dei più agevoli e ha necessitato di più di un anno di lavoro.

L’idea di intraprendere la sfida della certificazione, un percorso che ha richiesto oltre un anno di lavoro, è nata dalla collaborazione tra l’RSPP interno dei comitati Croce Rossa di Sondrio e Morbegno, Walter Rodigari, e Stefano Mancarti, titolare dello studio Si.For.Ma di Tirano (SO) ed il formatore ed esperto in sistemi di gestione, socio AiFOS, Gian Piero Marabelli.

Ne parliamo quindi con i diretti interessati per scoprire quale tipo di lavoro si è reso necessario e quali sono stati i punti cruciali legati all’implementazione di un sistema di gestione in una realtà del terzo settore.


- Raccontateci come è nato il progetto

Gian Piero Marabelli – Stefano Mancarti: tutto è cominciato quando il Comitato CRI di Sondrio ci ha chiesto di aiutarli ad ottenere la certificazione OHSAS 18001:2007, riguardante la salute e sicurezza. Al Comitato di Sondrio si è presto aggiunto anche il confinante Comitato CRI di Morbegno più piccolo territorialmente che ha con il Comitato di Sondrio un continuo scambio di relazioni nonché di operatività. L’intento di perseguire la certificazione riguardante la salute e sicurezza da parte dei Comitati di Croce Rossa era dovuto non solo a ragioni di immagine e di prestigio, ma anche dal fatto che la garanzia della tutela della salute e sicurezza delle persone è parte integrante della “mission” di Croce Rossa Internazionale e pertanto, si è voluto affrontare questo compito con determinazione.


- È stata la prima volta che due comitati di CRI hanno implementato un sistema di Gestione OHSAS 18001:2007 e lo hanno certificato: quali gli aspetti più difficoltosi da gestire nel percorso?

Gian Piero Marabelli: una delle cose più difficili è stata gestire il rapporto tra dipendenti e volontari ed il trasferimento delle procedure ad entrambi i nuclei. I mesi di preparazione al raggiungimento della certificazione sono serviti a rendere paritetico o omogeneo uno stesso modo di affrontare il lavoro, sia da parte dei dipendenti che dei volontari e a gettare le fondamenta di un percorso di miglioramento continuo nelle prestazioni dei servizi.

Stefano Mancarti: aggiungo anche il rischio di rendere l’operatività difficoltosa inserendo delle procedure che potevano ad una prima lettura risultare ridondanti, vanificandone l’efficacia.

Giacomino Rossatti (Dirigente del Comitato CRI di Sondrio): di sicuro la sfida più grande è stata far capire l’importanza del progetto alle persone che svolgono attività all’interno dell’associazione. Se per il personale dipendente la cosa poteva risultare semplice - anche se poi si è rilevata abbastanza impegnativa - per i volontari è stato molto difficoltoso. Soprattutto far passare il concetto che indipendentemente dall’essere dipendenti o volontari la sicurezza nell’ambiente di lavoro è uno dei pilastri per poter svolgere al meglio il proprio servizio. Sono convinto che se siamo la Croce Rossa, dobbiamo essere da esempio per tutti, soprattutto nella sicurezza.


- Potete riassumerci quanto è stato realizzato?

Gian Piero Marabelli: posso provare a farti un resoconto per punti:

  • Presso i comitati cooperano personale dipendente e volontari: il sistema si estende a tutti e quindi tutti informati e formati, adottano le medesime procedure.
  • Sono stati introdotti uno specifico Codice Etico e un Sistema disciplinare,
  • Sono state introdotte analisi e procedure specifiche relative a tutte le attività svolte da dipendenti e volontari CRI.
  • Il Sistema è stato condiviso attraverso strumenti (bacheche, gestionale informatico, cloud, ecc.) e “facilitatori” referenti tra i volontari.
  • La valutazione dei Rischi è stata sviluppata non partendo da schemi di procedure già stabilite, ma osservando il reale svolgimento delle mansioni dei Comitati.

Stefano Mancarti: a proposito di quest’ultimo punto in particolare abbiamo constatato che molti interventi vengono affrontati in situazioni estremamente delicate e variabili che non possono essere standardizzate. Per questo motivo si è puntato molto sulla formazione degli operatori e sulla conoscenza dettagliata di procedure specifiche mirate ad una gestione ottimale dei rischi.

Giacomino Rossatti: dal punto di vista operativo ha avuto un impatto dirompente il fatto che alla fine il processo di certificazione ha dato un’ulteriore impulso in termini positivi sull’equiparazione tra personale dipendente e volontari. Il fatto di utilizzare le stesse procedure operative, di avere un unico DVR, di fare formazione seguendo indicazioni ben precise, l’utilizzo di strumenti comuni ha fatto in modo di dare una migliore parificazione tra le figure che operano. L’ottimo lavoro svolto dai nostri consulenti ha contribuito a rendere accessibile a tutti il modo di operare (sistema molto intuitivo e facile da utilizzare).


- Principali risultati ottenuti?

Gian Piero Marabelli: l’impostazione e l’attivazione della certificazione hanno consentito di introdurre un nuovo modo di lavorare. Chiariamoci: alcune procedure già c’erano, ma è stata cambiata proprio la pianificazione di base e il necessario approccio volto ad ottimizzare le attività da compiere. In particolare, è stata riorganizzata tutta la documentazione, ricreando un archivio storico molto spesso superficiale e disperso tra le varie sedi (Sondrio ha una sede e 9 postazioni sul territorio, di cui 3 solo stagionali).Senza dimenticare le diverse procedure, che spaziano dalla sanificazione delle ambulanze alla manutenzione dei Dispositivi di Protezione Individuale. Il tutto è stato reso accessibile tramite un cloud, accessibile a tutti le Postazioni PS dei comitati, aspetto che costituisce una vera e propria ‘chiave di volta’ per la gestione, insieme alla predisposizione delle procedure anche per le buone prassi.

Stefano Mancarti: una sempre maggior partecipazione nella gestione di tutti gli aspetti lavorativi ed organizzativi da parte degli operatori che ha aumentato il livello di attenzione anche legato ad aspetti formali e non solo operativi, come l’attenzione anche ad aspetti che non sono dettagli nelle attività dei Comitati CRI, come ad esempio: l’attenzione all’uso delle divise, dei Dispositivi di protezione individuale, alla rigorosa pulizia e disinfezione dei mezzi di soccorso.

Giacomino Rossatti: abbiamo unificato il modo di lavorare tra personale dipendente e volontari. Questo è il miglior risultato ottenuto, o meglio è la base di partenza per lavorare ed ottimizzare e affinare ancora di più il lavoro. Abbiamo dato un’organizzazione omogenea al territorio, riuscendo a centralizzare molte cose e facendo quindi in modo di avere sempre sotto controllo tutte le postazioni operative


- La più grande soddisfazione?

Gian Piero Marabelli: aver potuto constatare la grande crescita dei dipendenti, dal punto di vista della concezione di se stessi, del proprio ruolo e della propria posizione sociale nel lavoro in Croce Rossa. Questo ha significato constatare un cambiamento nel modo di lavorare e di concepire la propria immagine sul territorio. Nelle riunioni che abbiamo fatto è emerso una sorta di slogan: “Chi si occupa della salute degli altri ora si preoccupa anche della sua” che ritengo sia l’espressione esatta di quanto compiuto. Ciò non toglie che il lavoro non può considerarsi concluso perché, ad esempio, va continuamente ‘raffinata’ la natura del rapporto di fiducia tra chi opera e l’istituzione stessa.

Stefano Mancarti: avendo lo studio in Tirano, è stato un onore ed un privilegio aver preso parte alla vita di un’organizzazione come Croce Rossa Italiana che opera nel mio territorio e nello stesso tempo aver trasferiti a dipendenti e volontari l’importanza di far parte di un’organizzazione storica e prestigiosa come Croce Rossa sentendosi addosso l’importanza di poterne essere parte e di essere un esempio dei valori che propone, in ogni azione e comportamento.

Giacomino Rossatti: essere riuscito a mettere insieme un sistema organizzativo che serve a gestire una struttura complessa come la nostra. Pensando alla situazione di partenza e successivamente ai risultati ottenuti, credo che la soddisfazione sia piena. Di sicuro credo che si debba migliorare, lavorare per mantenere il passo, gestire le situazioni in modo appropriato e con spirito sempre di sfida, non subendole. Solo così possiamo crescere e portare il livello qualitativo sempre più in alto.


- Applicazioni pratiche dell’esperienza portata avanti?

Gian Piero Marabelli: in primo luogo la possibilità di estendere il lavoro ad altri Comitati e associazioni analoghe. Questo perché sempre più sarà necessario per questi enti prendere coscienza del valore della sicurezza sul lavoro e delle misure da mettere in atto.

Stefano Mancarti: la definizione di “lavoratore” del Testo unico indica un orientamento preciso e cioè che le tutele dei lavoratori dipendenti si estendono anche tutta una serie di soggetti atipici e quindi dovrebbe portare tutta una serie di organizzazioni anche del terzo settore a dotarsi comunque di sistemi di gestione della sicurezza.

Giacomino Rossatti: credo che essendo stati un po’ i ‘’pionieri’’ in questo settore, molti comitati Croce Rossa siano interessati a entrare in questo mondo. Personalmente ritengo che certi comitati che hanno caratteristiche analoghe alle nostre caratteristiche (numero di dipendenti e di volontari, tipologia di servizi, ecc.) debbano arrivare ad adottare un sistema come il nostro.

Giuliana Gualteroni (Presidente Comitato CRI di Sondrio): quando il nostro RSPP Walter Rodigari ci ha proposto di intraprendere il cammino verso la certificazione OHSAS 18001, il consiglio direttivo ed io siamo stati da subito favorevoli ed abbiamo deciso di impegnare risorse e tempo in questo progetto, ambizioso ma senz’altro importante per conseguire una qualità di funzionamento e di servizio all’altezza di tutto ciò che la CRI Italiana rappresenta sul territorio e tra la gente. Altro elemento fondamentale è stata la consapevolezza di guidare cosi il nostro personale ad operare con efficienza e sicurezza e, quindi, con serenità. Ecco perché la nostra adesione è stata convinta e siamo orgogliosi di essere tra i primi comitati della Lombardia a raggiungere questo obiettivo. Colgo questa occasione per ringraziare i nostri collaboratori, i consulenti per il supporto prezioso e qualificato e la guida autorevole lungo tutto il percorso.

Stefano Ciapponi (Presidente Comitato CRI di Morbegno): creare delle procedure partendo dalle nostre buone pratiche e andare alla ricerca di quelle che possono essere le difficoltà nelle attività da parte di tutte le componenti del Comitato Locale di Morbegno è stata la sfida che ci ha spinto a intraprendere la certificazione 18001. Parlando a nome di tutto il consiglio posso affermare che la presa di coscienza del nostro potenziale, parallela al riconoscimento delle nostre debolezze, sia stato un momento importante di formazione e crescita. È in questo spirito che ottenere la certificazione per noi è diventato un punto di partenza e non di arrivo. Il continuo monitoraggio, la continua diffusione delle informazioni e la costante osservanza delle procedure ci porterà a svolgere al meglio quei compiti così delicati viste anche le richieste che pervengono da parte dei più deboli.

Pubblicato il: 27/03/2018

Si è concluso questa domenica il corso USPS a cui ha partecipato personale di Croce Rossa proveniente da tutta la regione. Si sono brevettati 12 soccorritori che nei prossimi giorni inizieranno il proprio lavoro affiancati da personale esperto e dagli istruttori.

2018 02 27 PHOTO 00000017        2018 02 27 PHOTO 00000038

L’attività di soccorso piste è molto impegnativa ma dà anche molte soddisfazioni. Offriamo alle stazioni sciistiche un soccorso qualificato e professionale perché tutti gli operatori posseggono la certificazione regionale di soccorritore-esecutore.

In regione Lombardia siamo presenti presso la stazione sciistica di Colere (BG) e, nella nostra provincia, a Pescegallo e sul comprensorio di Aprica. Qui siamo presenti già da 10 anni e facciamo quasi 400 soccorsi nell’arco della stagione invernale.

Una vettura per il trasporto dei malati di cancro valtellinesi che hanno bisogno di cure particolari in ospedali milanesi o in altre parti di Lombardia. E’ quella donata da Cancro Primo Aiuto, grazie alla collaborazione con Autotorino, alla Croce Rossa di Sondrio. La consegna è avvenuta il 31 gennaio presso l’agriturismo “La Fiorida”, a Mantello (So). A ricevere le chiavi dell’auto, consegnate da Oriano Mostacchi, vicepresidente di Cancro Primo Aiuto e responsabile dell’area valtellinese, era presente la presidente della CRI di Sondrio, Giuliana Gualteroni, accompagnata da un gruppo di volontari che effettuano il servizio.

«Purtroppo sempre più persone hanno bisogno di questa attività – ha spiegato la presidente della Croce Rossa di Sondrio – Si tratta spesso di bambini che, accompagnati dalla mamma, portiamo al San Gerardo di Monza, al Niguarda di Milano o al Policlinico San Matteo di Pavia. Noi troviamo le persone che guidano il mezzo, ma se non ci fosse Cancro Primo Aiuto che ci mette a disposizione le auto sarebbe impossibile garantire questo servizio»

1111

«Il rapporto con la Croce Rossa di Sondrio va avanti da diversi anni – ha continuato Mostacchi – Noi mettiamo a disposizione i mezzi e loro trovano i volontari per garantire ai malati valtellinesi il trasporto in ospedale per sottoporsi alla cure. L’anno scorso abbiamo donato un pullmino che permette a tante persone di recarsi all’ospedale di Sondrio per sottoporsi a radioterapia senza gravare sui propri familiari. E’ un servizio di cui si sente sempre più la necessità».

Domenica 4 febbraio 2018 alle ore 15.30 presso Grand hotel Bagni Nuovi - Valdidentro - BORMIO

LOCANDINA pdf2

Semplicità e amore per gli animali....ecco ciò che contraddistingueva Andrea e che tutti ricorderanno di lui. Con la sua pacatezza era in grado di accettare tutto. Chi non l'ha mai sentito dire: "a per mi l'è istes"??. Tutta Croce Rossa si stringe intorno alla famiglia e alla fidanzata Silvia.

CIAO ANDREA 

Incontro intenso e produttivo con le maestre e gli alunni delle classi quarte della primaria Damiani; tema l'alluvione del 1987 e le attività della Croce Rossa. Ancora un grazie alla maestra Annamaria Frigerio per averci coinvolto e complimenti per l'ottimo lavoro svolto con gli alunni.

Siamo lieti di presentare questa bella iniziativa e vi informiamo che il testo è disponibile anche in Comitato. I proventi raccolti permetteranno di acquistare una sedia meccanizzata. Sempre presso la sede del nostro Comitato sono disponibili i panettoni solidali di Croce Rossa a offerta libera.

 

 

 

PRESENTAZIONE 

Libro ‘L Vangèl

 Il Vangelo tradotto totalmente con il linguaggio dei nostri nonni. Un libro, fresco di stampa, di quasi 400 pagine, che ripercorre in modo del tutto originale la storia di Gesù trascritta in forma dialettale. In pratica con il linguaggio di un tempo, quello della nostra parlata rurale valtellinese e valchiavennasca. Il tutto amalgamato con decine e decine di foto ad effetto china riprodotte dal celebre Codice De Predis, datate1400 e depositate presso la Biblioteca Reale di Torino, con uso autorizzato del Ministero dei Beni culturali.

Questo l’ambizioso progetto editoriale e di volontariato dal titolo «‘L Vangèl» scritto dal sociologo sondriese Massimiliano Gianotti con la presentazione di autorevoli personaggi quali il vescovo emerito di Como, Diego Coletti; il glottologo e direttore dell’Istituto di dialettologia e di etnografia Valtellinese e Valchiavennasca, don Remo Bracchi; il presidente della Provincia, Luca Della Bitta, più il presidente Croce rossa della provincia di Sondrio, Giuliana Gualteroni.

«Come aveva suggerito il vescovo emerito Coletti, la Bibbia ed in particolare i Vangeli sono stati tradotti in tutte le lingue del mondo, ma affettivamente mancava quello nella nostra parlata di valle - racconta l’autore Gianotti -.

Ecco allora l’idea di lavorare sul Vangelo, che è stata un’esperienza unica che mi ha impegnato per quasi tre anni. La prima fase è stata quella di studiare i quattro Vangeli canonici ricavandone un’unica storia sulla traccia degli scritti del filosofo Hegel e del cardinale Martini oltre ai suggerimenti di un amico teologo. Poi c’è stata la trascrizione in dialetto scegliendo una formula che fosse comprensibile per tutti, quindi senza l’uso di termini propriamente legati ad un territorio o a un campanile, ma cercando di mantenere una nostra poetica dialettale e culturale di valle».

Il testo è uscito questa settimana destando molta curiosità. «Il libro è veramente originale e tanta gente sta acquistando anche più copie con dei feedback molto positivi – continua Gianotti -. Per questo dobbiamo ringraziare tutti i collaboratori ed i lettori perché il libro, oltre all’ambito culturale, abbraccia anche la sfera sociale». E proprio in questo contesto di solidarietà è stata chiamata in causa la Croce Rossa dove l’autore Gianotti è volontario dal 1995. «Come Cri di Sondrio ringraziamo il nostro volontario Massimiliano per aver deciso di devolvere, parte dei proventi di vendita del libro, per l’acquisto di una sedia meccanizzata da utilizzare per il trasporto di malati ed anziani -  aggiunge il presidente della Cri in provincia di Sondrio, Giuliana Gualteroni -. Nei nostri paesi ci troviamo sempre più spesso ad effettuare trasporti tra case strette e scale impervie. Per questo l’acquisto della sedia meccanizzata verrebbe utile per i pazienti, ma anche per il lavoro dei soccorritori». Il libro è disponibile presso tutte le librerie e le edicole della provincia al costo di 18 euro.

 

                                 IMG 1495

 

Fotografia allegata: in centro l’autore e sociologo sondriese Massimiliano Gianotti e ai due estremi la presidente Giuliana Gualteroni ed il presidente onorario Sergio Bonvini della Croce Rossa Italiana della provincia di Sondrio.

 

17 dicembre, Aprica

Il Comitato Regionale lombardia organizza una selezione attitudinale per coloro i quali fossero interessati a partecipare al corso di formazione utile per aquistare la qualifica di "Operatore di Soccorso su Piste da Sci". La selezione è aperta a tutto il personale dipendente e volontario che abbia raggiunto la maggiore età e sia in regola con l'iscrizione annuale e la qualifica del soccorso (certificazione regionale soccoritore-esecutore). La selezione prevista per il giorno Domenica 17 dicembre 2017, si svolgerà presso la stazione di Aprica (Sondrio) a cura del Comitato di Sondrio. La quota per la partecipazione è fissata in € 15.00 ed è a carico dei partecipanti. La quota di iscrizione NON comprende le spese per ski-pass giornalieri, viaggio, pranzi, cene, pernottamenti che potranno essere acquistati direttamente a prezzo convenzionato. iscrizione entro il 10 dicembre. È necessario trasmettere la propria candidatura all'indirizzo comunicazioni.usps@gmail.com                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     SCARICA IL BANDO  sci 318 9893                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                               SCHEDA ISCRIZIONE

       LOCANDINA                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                        

Eletto con maggioranza assoluta a capo del più grande network umanitario del mondo

Francesco Rocca è il nuovo presidente della Federazione Internazionale delle Società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa, il network globale umanitario più grande del mondo. Eletto ad Antalya, in Turchia, al primo turno con la maggioranza assoluta dei voti (98 su 178 votanti), Rocca è il primo italiano a ricoprire la prestigiosa carica internazionale

 

T 4f2d97804b88ef53aaef8a428631a15a 900x600

 

Dedico questa importante vittoria ai volontari della Croce Rossa Italiana di cui sono orgoglioso. Ringrazio tutte le Società Nazionali della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa. Ora dobbiamo seguire il faro di nostri Principi e, allo stesso tempo, fornire risposte pragmatiche in tutto il mondo alle numerose sfide umanitarie.
                                                                                                                                                                                                                                                                                                    
 
                                                                                                                                                                                                                                                                
T cb5ea63ec7eb45d9807d612a0dd5c02a 900x600T 858c3d1445c2ce55c2b55be92748c2c4 900x600
 
 
Fondata nel 1919, la Federazione Internazionale delle Società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa raggiunge 150 milioni di persone in 190 Paesi nel mondo, attraverso l’operato di oltre 17 milioni di volontari.

Francesco Rocca nasce a Roma nel 1965. Dopo una lunga attività come avvocato e nel campo del volontariato, dal 2013 è Presidente della Croce Rossa Italiana e Vicepresidente della Federazione Internazionale delle Società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa. Nel 2016, conclusa la storica riforma dell'Associazione, viene eletto nuovamente dai volontari della Croce Rossa Italiana.